Le Adidas Light Em Up sono un modello di media gamma che l’anno passato sono riuscite a riscuotere un decente successo. I più attenti le avranno viste anche ai piedi di alcuni giocatori NBA, come Harrison Barnes, Kenneth Faried e Tony Snell. Il loro design semplice, accoppiato a caratteristiche tecniche decenti, le hanno rese un prodotto evidentemente appetibile.

In questo inizio di 2017 le Light Em Up si rinnovano mantenendo le stesse impostazioni di base, ma affinando i particolari, sia tecnici, che estetici. Il risultato si può dire che sia piuttosto piacevole.

La forma della scarpa rimane praticamente identica alla versione precedente, tuttavia il taglio viene leggermente abbassato per rendere le proporzioni più piacevoli; abbandonata la costruzione a stivaletto, viene adottato un sistema avvolgente (immaginate un burrito). Il sistema di allacciamento prevede ancora delle fasce che vanno ad avvolgere il piede e che diventano elemento di stile mostrandosi al di sotto del primo strato della tomaia. Questo sistema è, inoltre, asimmetrico – ispirato fortemente a quello visto sulle Harden Vol.1 – per migliorare ulteriormente il supporto. Anche il materiale principale usato sulla tomaia viene confermato nel 2017, il tessuto a maglia aperta è flessibile e traspirante nella parte superiore, mentre nella parte inferiore della tomaia viene aggiunto uno strato di filamenti plastici che donano robustezza mantenendo alto il grado di traspirazione (un sistema che pare molto interessante).

L’intersuola (in EVA) e la suola si uniscono con una trama ad intagli che indica anche la presenza delle tecnologia BOUNCE per fornire ammortizzamento. La trama della gomma utilizzata sulla suola ha un motivo ondulato – simile alle impronte digitali – ed è piuttosto scavata, indice che probabilmente dovrebbe garantire un buon grip.

Concludendo queste Adidas Light Em Up 2017 mi stanno intrigando sempre di più grazie alle soluzioni adottate ed anche al loro appeal estetico. Devo dire che se avessi bisogno di un nuovo paio di scarpe da basket entrerebbero sicuramente nella liste di candidate.

Dì la tua opinione: