Nike sta letteralmente monopolizzando le notizie dell’ultimo periodo sfruttando i Playoffs NBA per svelare i suoi nuovi modelli di singatures e team shoes, tanto che di Adidas e altri produttori non sentiamo più parlare (o quasi). Stavolta si parla del famosissimo modello HYPERDUNK che introduce una grande novità, il React Cushioning.

Tempo addietro eravamo riusciti ad avere un’anteprima delle Hyperdunk 2017, in particolare nella versione “base” con tomaia in tessuto. Draymond Green, invece, in occasione delle Finals NBA ha avuto la grande opportunità di debuttare la versione con tomaia in Flyknit (in maglia). Se non sbaglio è la prima volta che Nike permette al nostro Draymondo (come mi piace, affettuosamente, chiamarlo) di lanciare un nuovo modello.

React

Dalle immagini forniteci da Nike possiamo notare come la costruzione della scarpa preveda la tomaia con il soffice tessuto intrecciato e, nella zona del tallone, si intravede all’interno della scarpa stessa una imbottitura per permettere una maggior sicurezza del piede durante i movimenti laterali.

Il vero protagonista di questa nuova iterazione, tuttavia, è il sistema di ammortizzamento React Cushionig, che dovrebbe presumibilmente essere una nuova versione del Lunarlon. Bellissima l’intersuola con motivo a intagli che dona una sensazione di velocità e rimbalzo. La suola con trama a mappa di pressione completa poi il design caratteristico di queste Hyperdunk che mi convincono molto e si candidano da subito come uno dei modelli protagonisti della prossima stagione.

Azzeccata poi la scelta di di inserire l’immancabile “swoosh” (il logo ndr) in dimensioni ridotte, dando un piccolo tocco old school a questa innovativa scarpa da basket.

Scarpa completamente bianca con lo sbuffo blu scuro? “Shut up and take my money!”

In attesa di conoscere la data di lancio sul mercato e il prezzo di listino godiamocele ai piedi di uno dei grandi protagonisti della NBA.

Via Nike

AGGIORNAMENTO: nella giornata di ieri, 20 giugno, Nike ha ufficialmente presentato la tecnologia REACT e le Hyperdunk 2017 flyknit. Di nuovo si è scoperto che fra intersuola REACT e suola esterna è presente una placca (quasi certamente in TPU) per aumentare la rigidità e consentire una migliore gestione delle caratteristiche del REACT stesso. In più, il collo della tomaia in flyknit è stato disgiunto per avere una calzata personalizzata e consentire la naturale mobilità. Il comunicato ufficiale è presente a questo link.

La data di lancio è prevista per il 3 agosto 2017.

One Reply to “NIKE REACT HYPERDUNK 2017 FLYKNIT”

Dì la tua opinione: